TVC:BTPBUND   SPREAD BTP-BUND 10Y (CALCULATED BY TRADINGVIEW)

Inflazione Usa di Maggio, +5.0%, pur sopra le attese, non spaventa.
La Banca Centrale europea scongiura scenari di “tapering”.
La BCE alza le stime di Pil ed inflazione per il 2021 e 2022.
Rendimenti dei Governativi in continuo e contro intuitivo, calo!


L’impennata dell’inflazione americana +5% anno su anno e +0,6% mese su mese, a maggio, non ha impattato sull’umore dei mercati. Ancora una volta l’accelerazione e’ dovuta a fattori specifici, come i prezzi del petrolio e di molte materie prime industriali, le riaperture e le difficolta’ della logistica globale.
Anche il dato di inflazione “core” (ex food and energy), molto osservato dalla FED (Banca Centrale Americana), +3,8% anno su anno e 0,7% sopra le stime, non ha piu’ di tanto impressionato, data la natura “transitoria” del fenomeno, secondo l’interpretazione della Fed.
Insomma, la convinzione diffusa e’ che la variazione dei prezzi di maggio sia il picco del 2021, considerando che le commodities hanno ripiegato a fine maggio e inizio giugno e che la “stance” accomodante della FED restera’ invariata, almeno sino a quando non saranno rilevati “sostanziali ulteriori miglioramenti” sul mercato del lavoro.
L’indice S&P500 , con il +0,47% di ieri, 10 giugno, tocca il nuovo massimo storico sopra 4.239 punti, il Nasdaq segna +0,78%, il Dow Jones +0,06%.
Quasi in secondo piano il dato settimanale sulle nuove richieste di sussidi di disoccupazione, scese a 376 mila, battendo delle stime. Ricordiamo che nei prossimi mesi molti Stati fermeranno i sussidi “pandemici” e cio’, combinato all’esuberanza delle ricerche di personale qualificato, dovrebbe favorire un nuovo calo dei sussidi.
L’altro fronte caldo di ieri, il meeting della ECB (Banca Centrale Europea), non ha riservato sorprese: invariati i tassi di interesse principali, cosi’ come dotazione e scadenza del PEPP (Pandemic Emergency Purchase Program), Eur 1,85 trilioni e giugno 2022.
La Presidente Christine Lagarde, nel consueto briefing post Riunione, ha riconosciuto l’irrobustimento della ripresa, ribadendo comunque la necessità di proseguire l’azione di stimolo monetario in essere.
Pertanto, gli acquisti da parte del PEPP resteranno su ritmi “significativamente più elevati” rispetto a quelli del primo trimestre 2021: insomma, le 2 maggiori Banche Centrali del mondo non vogliono, nel breve termine, il “tapering”, cioe’ la riduzione degli acquisti di bond sul mercato.
Le stime dell’ECB sul PIL (prodotto interno lordo) dell’Eurozona sono state riviste al rialzo di circa mezzo punto, a +4,6% sul 2021 e +4,7% sul 2022.
L’inflazione attesa per il 2021 e’ stata rivista a +1,9%, da +1,5%: l’aumento e’ per lo piu’ attribuibile al rialzo dei prezzi di petrolio e derivati, e’ di natura transitoria, e lontano dall’obbiettivo del 2%.
I rischi al ribasso dovuti alla pandemia si sono ridotti, ma non annullati. Re-opening, temperature piu’ elevate e soprattutto l’efficacia delle vaccinazioni favoriscono la ripresa, ma non rimuovono la necessita’ di ulteriore sostegno da parte della politica monetaria.
Se si guarda alla chiusura dei listini europei, si puo’ affermare che le rassicurazioni della BCE sulla prosecuzione della politica monetaria super accomodante non abbiano impresso direzionalita’ ai mercati, che hanno chiuso mediamente negativi: Dax tedesco -0,06%, Cac40 francese -0,26%, Ibex spagnolo -0,24%, il FtseMib italiano -0,4%.
L’effetto “sedativo” delle Banche Centrali si e’ ben riflessa sui rendimenti dei Governativi, sia in Europa che negli Usa. Dopo un timido tentativo di rimbalzo nella mattinata, hanno ripreso a scendere, proseguendo il trend recente. Quello sul Treasury 10 anni ha chiuso, ieri 10 giugno, a +1,46%, e quello sul Btp 10 anni italiano a +0,80%, e lo spread verso l’omologo Bund a 106 bps .
Il petrolio, dopo l’ascesa delle scorse settimane, conferma i massimi degli ultimi 32 mesi: Wti (West Texas intermediate), 70,4 $/barile (+0,2% ore 12.00 CET ), Brent (North Sea crude), 72,7 $/barile (+0,2%).
L’impennata di maggio dell’inflazione Usa non ha dato slancio all’oro, il cui prezzo continua conferma i massimi recenti appena sotto $ 1.900/oncia, comunque 13% sopra i minimi di fine marzo.
Stamattina, 11 giugno, notiamo chiusure miste delle borse asiatiche: Nikkei giapponese -0,03%, mentre crescono le voci di un nuovo stimolo fiscale da Yen 20-30 trilioni. Indici continentali cinesi in calo: Shanghai -0,58%, Shenzhen -0,64%, sebbene negli ultimi giorni si noti un dialogo piu’ pacato tra i rispettivi Ministri del Commercio Usa e Cinese sul tema investimenti e regole commerciali
L’andamento delle borse europee a fine mattinata e’ positivo del +0,3% medio (12.00 CET ).
I Future su Wall Street sono praticamente invariati, mentre prosegue il trend discendente dei rendiementi dei Governativi europei: quello del BTP 10 anni italiano tocca 0,75%, livello piu’ basso da inizio aprile.

Informazioni importanti
Comunicazioni emesse all’interno dello Spazio economico europeo (“SEE”): Il presente documento è stato emesso e approvato da WisdomTree Ireland Limited, società autorizzata e regolamentata dalla Central Bank of Ireland.
Comunicazioni emesse in giurisdizioni non appartenenti al SEE: Il presente documento è stato emesso e approvato da WisdomTree UK Limited, società autorizzata e regolamentata dalla Financial Conduct Authority del Regno Unito.
Per fare riferimento a WisdomTree Ireland Limited e a WisdomTree UK Limited si utilizza per entrambe la denominazione “WisdomTree” (come applicabile). La nostra politica sui conflitti d’interesse e il nostro inventario sono disponibili su richiesta.
Solo per clienti professionali. Le informazioni contenute nel presente documento sono fornite a titolo meramente informativo e non costituiscono né un’offerta di vendita né una sollecitazione di un’offerta di acquisto di titoli o azioni. Il presente documento non deve essere utilizzato come base per una qualsiasi decisione d’investimento. Gli investimenti possono aumentare o diminuire di valore e si può perdere una parte o la totalità dell’importo investito. Le performance passate non sono necessariamente indicative di performance future. Qualsiasi decisione d’investimento deve essere basata sulle informazioni contenute nel Prospetto informativo di riferimento e deve essere presa dopo aver richiesto il parere di un consulente d’investimento, fiscale e legale indipendente.
Il presente documento non è, e in nessun caso deve essere interpretato come, una pubblicità o qualsiasi altro strumento di promozione di un’offerta pubblica di azioni o titoli negli Stati Uniti o in qualsiasi provincia o territorio degli Stati Uniti . Né il presente documento né alcuna copia dello stesso devono essere acquisiti, trasmessi o distribuiti (direttamente o indirettamente) negli Stati Uniti .
Il presente documento può contenere commenti indipendenti sul mercato redatti da WisdomTree sulla base delle informazioni disponibili al pubblico. Benché WisdomTree si adoperi per garantire l’esattezza del contenuto del presente documento, WisdomTree non garantisce né assicura la sua esattezza o correttezza. Qualsiasi terzo fornitore di dati di cui ci si avvalga per reperire le informazioni contenute nel presente documento non rilascia alcuna garanzia o dichiarazione di sorta in relazione ai suddetti dati. Laddove WisdomTree abbia espresso dei pareri relativamente al prodotto o all’attività di mercato, si ricorda che tali pareri possono cambiare. Né WisdomTree, né alcuna consociata, né alcuno dei rispettivi funzionari, amministratori, partner o dipendenti, accetta alcuna responsabilità per qualsiasi perdita, diretta o indiretta, derivante dall’utilizzo del presente documento o del suo contenuto.
Il presente documento può contenere dichiarazioni previsionali, comprese dichiarazioni riguardanti le attuali aspettative o convinzioni in relazione alla performance di determinate classi di attività e/o settori. Le dichiarazioni previsionali sono soggette a determinati rischi, incertezze e ipotesi. Non vi è alcuna garanzia che tali dichiarazioni siano esatte, e i risultati effettivi possano discostarsi significativamente da quelli previsti in dette dichiarazioni. WisdomTree raccomanda vivamente di non fare indebito affidamento sulle summenzionate dichiarazioni previsionali.
I rendimenti storici ricompresi nel presente documento potrebbero essere basati sul back test, ossia la procedura di valutazione di una strategia d’investimento, che viene applicata ai dati storici per simulare quali sarebbero stati i rendimenti di tale strategia. Tuttavia, i rendimenti basati sul back test sono puramente ipotetici e vengono forniti nel presente documento a soli fini informativi. I dati basati sul back test non rappresentano rendimenti effettivi e non devono intendersi come un’indicazione di rendimenti effettivi o futuri.


Per ulteriori informazioni:

https://bit.ly/wisdomtree-daily-update

Comments